• VI Domenica di Pasqua

    Domenica I maggio 2016

    Gli disse Giuda, non l’Iscariota: «Signore, come è accaduto che devi manifestarti a noi, e non al mondo?». Gli rispose Gesù: «Se uno mi ama, osserverà la mia parola e i Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso dl lui. Chi non mi ama, non osserva le mie parole; e la parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato… Vi lascio la pace, vi do la mia pace.

  • V Domenica di Pasqua

    Domenica 24 aprile 2016

    Quando [Giuda] fu uscito [dal cenacolo], Gesù disse: «Ora il Figlio dell’uomo è stato glorificato, e Dio è stato glorificato in lui… Figlioli, ancora per poco sono con voi. Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri. Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri. Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avete amore gli uni per gli altri».

  • IV Domenica di Pasqua

    Domenica 17 aprile 2016

    Allora i Giudei gli si fecero attorno e gli dicevano: «Fino a quando ci terrai nell’incertezza? Se tu sei il Cristo, dillo a noi apertamente». Gesù rispose loro: «Ve l’ho detto, e non credete,… perché non fate parte delle mie pecore. Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono. Io darò loro la vita eterna e non andranno perdute in eterno e nessuno le strapperà dalla mia mano. Il Padre mio, che me le ha date, è più grande di tutti e nessuno può strapparle dalla mano del Padre. Io e il Padre siamo una cosa sola».

  • III Domenica di Pasqua

    Domenica 10 aprile 2016

    Quando già era l’alba, Gesù stette sulla riva, ma i discepoli non si erano accorti che era Gesù. Gesù disse loro: «Figlioli, non avete nulla da mangiare?». Gli risposero: «No». Allora egli disse loro: «Gettate la rete dalla parte destra della barca e troverete». La gettarono e non potevano più tirarla su per la grande quantità di pesci…
    Appena scesi a terra, videro un fuoco di brace con del pesce sopra, e del pane… Gesù disse loro: «Venite a mangiare»… Gesù si avvicinò, prese il pane e lo diede a loro, e così pure il pesce. Era la terza volta che Gesù si manifestava ai discepoli, dopo essere risorto dai morti.

  • II Domenica di Pasqua

    Domenica 03 aprile 2016

    La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore.
    Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi!» Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi». Detto questo, soffiò e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati».

  • Domenica di Pasqua

    Domenica 27 marzo 2016

    Il primo giorno della settimana, Maria di Magdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro.
    Corse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!».
    Pietro allora uscì insieme all’altro discepolo e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l’altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide le bende per terra, ma non entrò. Giunse intanto anche Simon Pietro che lo seguiva ed entrò nel sepolcro e vide i teli posati là, e il sudario – che era stato posto sul suo capo – non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte.
    Allora entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. Infatti non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti.

  • Domenica della Passione del Signore

    Domenica 20 marzo 2016

    Quando venne l’ora, [Gesù] prese posto a tavola e gli apostoli con lui, e disse loro: «Ho tanto desiderato mangiare questa Pasqua con voi, prima della mia passione, perché io vi dico: non la mangerò più, finché essa non si compia nel regno di Dio». E, ricevuto un calice, rese grazie e disse: «Prendetelo e fatelo passare tra voi, perché io vi dico: da questo momento non berrò più del frutto della vite, finché non verrà il regno di Dio. Poi, preso il pane, rese grazie, lo spezzò e lo diede loro dicendo: «Questo è il mio corpo, che è dato per voi; fate questo in memoria di me». E, dopo aver cenato, fece lo stesso con il calice dicendo: «Questo calice è la nuova alleanza nel mio sangue, che è versato per voi».

  • V Domenica di Quaresima

    Domenica 13 marzo 2016

    In quel tempo, Gesù si avviò verso il monte degli Ulivi. Ma al mattino si recò di nuovo nel tempio e tutto il popolo andava da lui. Ed egli sedette e si mise a insegnare loro.
    Allora gli scribi e i farisei gli condussero una donna sorpresa in adulteri, la posero in mezzo e gli dissero: «Maestro, questa donna è stata sorpresa in flagrante adulterio. Ora Mosè, nella Legge, ci ha comandato di lapidare donne come questa. Tu che ne dici?»… Ma Gesù si chinò e si mise a scrivere col dito per terra.».

  • IV Domenica di Quaresima

    Domenica 6 marzo 2016

    In quel tempo, si avvicinarono a Gesù tutti i pubblicani e i peccatori per ascoltarlo. I farisei e gli scribi mormoravano dicendo: «Costui accoglie peccatori e mangia con loro». Ed egli disse loro questa parabola: «Un uomo aveva due figli. Il più giovane dei due disse al padre: “Padre, dammi la parte di patrimonio che mi spetta”. Ed egli divise tra loro le sue sostanze. Pochi giorni dopo, il figlio più giovane, raccolte le sue cose, partì per un paese lontano e là sperperò il suo patrimonio…

  • III Domenica di Quaresima

    Domenica 28 febbraio 2016

    In quello stesso tempo si presentarono alcuni a riferire a Gesù il fatto di quei Galilei, il cui sangue Pilato aveva fatto scorrere insieme a quello dei loro sacrifici. Prendendo la parola, Gesù disse loro: «Credete che quei Galilei fossero più peccatori di tutti i Galilei, per aver subìto tale sorte? No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo. O quelle diciotto persone, sulle quali crollò la torre di Siloe e le uccise, credete che fossero più colpevoli di tutti gli abitanti di Gerusalemme? No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo».

  • II Domenica di Quaresima

    Domenica 21 febbraio 2016

    In quel tempo, lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni, tentato da Satana. Stava con le bestie selvatiche e gli angeli lo servivano.
    Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo».

  • I Domenica di Quaresima

    Domenica 14 febbraio 2016

    In quel tempo, lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni, tentato da Satana. Stava con le bestie selvatiche e gli angeli lo servivano.
    Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo».

  • V Domenica del tempo ordinario

    Domenica 7 febbraio 2016

    In quel tempo, mentre la folla gli faceva ressa attorno per ascoltare la parola di Dio, Gesù, stando presso il lago di Gennesaret, vide due barche accostate alla sponda. I pescatori erano scesi e lavavano le reti. Salì in una barca, che era di Simone, e lo pregò di scostarsi un poco da terra. Sedette e insegnava alle folle dalla barca. Quando ebbe finito di parlare, disse a Simone: «Prendi il largo e gettate le vostre reti per la pesca». Simone rispose: «Maestro, abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla; ma sulla tua parola getterò le reti». 

  • IV Domenica del tempo ordinario

    Domenica 31 gennaio 2016

    Tutti gli davano testimonianza ed erano meravigliati delle parole di grazia che uscivano dalla sua bocca e dicevano: «Non è costui il figlio di Giuseppe?». Ma egli rispose loro: «Certamente voi mi citerete questo proverbio: Medico cura te stesso»… Poi aggiunse: «In verità io vi dico: nessun profeta è bene accetto nella sua patria». Anzi, in verità io vi dico: c’erano molte vedove in Israele al tempo di Elia…, ma a nessuna di esse fu mandato Elia, se non a una vedova in Zarepta di Sidone. C’erano molti lebbrosi in Israele al tempo del profeta Eliseo; ma nessuno di loro fu purificato, se non Naaman, il Siro».

  • III Domenica del tempo ordinario

    Domenica 24 gennaio 2016

    In quel tempo, Gesù ritornò in Galilea con la potenza dello Spirito e la sua fama si diffuse in tutta la regione. Insegnava nelle sinagoghe e gli rendevano lode. Venne a Nazaret, dove era cresciuto, e secondo il suo solito, di sabato entrò nella sinagoga e si alzò a leggere. Gli fu dato il rotolo del profeta Isaia; aprì il rotolo e trovò il passo dove era scritto: “Lo Spirito del Signore è sopra di me; per questo mi ha consacrato con l'unzione e mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio, a proclamare ai prigionieri la liberazione e ai ciechi la vista; a rimettere in libertà gli oppressi, e proclamare l’anno di grazia del Signore”. Riavvolse il rotolo, lo riconsegnò all'inserviente e sedette. Nella sinagoga, gli occhi di tutti erano fissi su di lui. Allora cominciò a dire loro: «Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato».

  • II Domenica del tempo ordinario

    Domenica 17 gennaio 2016

    Il terzo giorno vi fu una festa di nozze a Cana di Galilea e c’era la madre di Gesù. Fu invitato alle nozze anche Gesù con i suoi discepoli. Venuto a mancare il vino, la madre di Gesù gli disse: «Non hanno vino». E Gesù le rispose: «Donna, che vuoi da me?  Non è ancora giunta la mia ora».
    Sua madre disse ai servitori: «Qualsiasi cosa vi dica, fatela».

  • I Domenica del tempo ordinario

    Domenica 10 gennaio 2016

    In quel tempo, poiché popolo era in attesa e tutti, riguardo a Giovanni, si domandavano in cuor loro se non fosse lui il Cristo, Giovanni rispose a tutti dicendo: «Io vi battezzo con acqua; ma viene colui che è più forte di me, a cui  non sono degno di slegare i lacci dei sandali. Egli vi battezzerà in Spirito santo e fuoco… [Con molte altre esortazioni Giovanni evangelizzava il popolo]… [Ed ecco,] mentre tutto il popolo veniva battezzato e Gesù, ricevuto anche lui il battesimo, stava in preghiera, il cielo si aprì e discese sopra di lui lo Spirito Santo in forma corporea, come una colomba, e venne una voce dal cielo: «Tu sei il Figlio mio, l’amato: in te ho posto il mio compiacimento».

  • Epifania del Signore

    Epifania del Signore

    In principio era il Verbo, | e il Verbo era presso Dio | e il Verbo era Dio. | Egli era, in principio, presso Dio: | tutto è stato fatto per mezzo di lui | e senza di lui nulla è stato fatto di ciò che esiste. | In lui era la vita | e la vita era la luce degli uomini; | la luce splende nelle tenebre | e le tenebre non l’hanno vinta. (…) Veniva nel mondo la luce vera | quella che illumina ogni uomo. | Era nel mondo | e il mondo è stato fatto per mezzo di lui; | eppure il mondo non lo ha riconosciuto. | Venne fra i suoi, | e i suoi non lo hanno accolto. | A quanti però lo hanno accolto | ha dato il potere di diventare figli di Dio: | a quelli che credono nel suo nome | i quali, non da sangue | né da volere di carne | né da volere di uomo, | ma da Dio sono stati generati. | E il Verbo si fece carne | e venne ad abitare in mezzo a noi; | e noi abbiamo contemplato la sua gloria, | gloria come del Figlio unigenito | che viene dal Padre, | pieno di grazia e di verità.

  • II Domenica dopo Natale

    Domenica 3 gennaio  2016

    In principio era il Verbo, | e il Verbo era presso Dio | e il Verbo era Dio. | Egli era, in principio, presso Dio: | tutto è stato fatto per mezzo di lui | e senza di lui nulla è stato fatto di ciò che esiste. | In lui era la vita | e la vita era la luce degli uomini; | la luce splende nelle tenebre | e le tenebre non l’hanno vinta. (…) Veniva nel mondo la luce vera | quella che illumina ogni uomo. | Era nel mondo | e il mondo è stato fatto per mezzo di lui; | eppure il mondo non lo ha riconosciuto. | Venne fra i suoi, | e i suoi non lo hanno accolto. | A quanti però lo hanno accolto | ha dato il potere di diventare figli di Dio: | a quelli che credono nel suo nome | i quali, non da sangue | né da volere di carne | né da volere di uomo, | ma da Dio sono stati generati. | E il Verbo si fece carne | e venne ad abitare in mezzo a noi; | e noi abbiamo contemplato la sua gloria, | gloria come del Figlio unigenito | che viene dal Padre, | pieno di grazia e di verità.

  • Primo giorno del nuovo anno

    01 gennaio 2016

    In quel tempo i pastori] andarono, senz’indugio, e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, adagiato nella mangiatoia. E dopo averlo visto, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro. 
    Tutti quelli che udivano si stupirono delle cose dette loro dai pastori. Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore. 
    I pastori se ne tornarono, glorificando e lodando Dio per tutto quello che avevano udito e visto, com’era stato detto loro. 
    Quando furono compiuti gli otto giorni prescritti per la circoncisione, gli fu messo nome Gesù, come era stato chiamato dall’angelo prima che fosse concepito nel grembo. 

Go to top